Accordi Ceta: all’appello mancano 255 prodotti italiani. Li buttiamo via?

ceta_accordo

Accordo Ceta: il Parlamento europeo approva. Peccato che dei 291 prodotti italiani D.O.P o I.G.P. ne siano tutelati soltanto 36. Questo vuol dire nemmeno un terzo. Anzi un sesto.

Ho esaminato il Ceta, il “Comprehnsive Economic and Trade Agreement” che stabilisce le regole per l’accordo di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada.

Una volta applicato, occorrerà ora attendere l’ok del Canada, offrirà alle imprese europee nuove opportunità commerciali in Canada e favorirà la creazione di nuovi posti di lavoro in Europa. Inoltre dovrebbe servire a eliminare i dazi doganali, aprire il mercato dei servizi e tutelare il marchio Ue, al fine di prevenire le copie illecite di innovazioni e prodotti tradizionali dell’Unione Europea.

Se questo sembra tutto conveniente, l’Italia sembra sempre restare a bocca asciutta, e in questo caso mi verrebbe da dire in tutti i sensi.

Secondo il Ceta l’ Italia ha 41 destinazioni geografiche tutelate e 36 prodotti agroalimentari, di cui 19 prodotti Dop e 17 Igp. E tra questi si va dall’ aceto balsamico di Modena, all’ arancia rossa di Sicilia, all’ Asiago fino alla bresaola della Valtellina, o al prosciutto di Modena, al pecorino sardo, al taleggio fino alla fontina. Questo vuol dire che 36 dei 143 prodotti che sono stati scelti nell’accordo, saranno tutelati gli altri no. Sin dal primo giorno di attuazione del Ceta, il Canada abolirà dazi sulle merci originarie dell’Ue per un valore di 400 milioni di euro.

“Il Ceta – si legge nella nota informativa – costituisce un importante passo avanti anche per molte piccole e medie imprese di comunità rurali che commerciano in prodotti agricoli; tali imprese potranno infatti trarre vantaggio dal fatto che il Canada ha accettato di proteggere 143 prodotti tipici di specifiche zone geografiche dell’Ue. Nell’ambito del Ceta saranno protetti i prodotti alimentari e le bevande più esportati, come il formaggio francese Roquefort, l’aceto balsamico di Modena e il formaggio olandese Gouda. I prodotti europei godranno di una protezione dalle imitazioni analoga a quella offerta dal diritto dell’Unione e non correranno più il rischio di essere considerati prodotti generici in Canada”.

Peccato però che in Italia di prodotti Dop e Igp ne abbiamo molti di più. (Basta dare un occhio all’elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite – Regolamento UE n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 – aggiornato al 25 gennaio 2017).

In più il Ceta non è altro che la riproposizione dei TTIP. L’avevo già detto ad agosto quando Carlo Calenda aveva chiuso la questione TTIP che l’affare non era chiuso affatto. Se ne sarebbe riparlato con un nuovo nome e format. Ebbene, dopo sei mesi, detto fatto, arriva Ceta, partito come accordo Ue e Canada, ma oggi sostituito a tutti gli effetti dal TTIP. In questo accordo perdiamo la nostra unica potenzialità agro alimentare. Inutile dire che hanno riservato una agevolazione protezione di 143 prodotti europei, di cui solo 36 sono italiani. Ne abbiamo molti di più. Ancora una volta l’ Europa distrugge la nostra unica “musina” economica, togliendo dazi e vincoli per tutti i prodotti esclusi nella lista. Una lista che dovrebbe tutelare e che invece apre le porte a prodotti spazzatura, copiati e fatti in serie. 

Tributarista Alberto De Franceschi

Noale 17 febbraio 2017

EQUITALIA: PRONTO IL MODELLO PER OTTENERE LO SCONTO SULLE CARTELLE

download

download

L’ESPERTO TRIBUTARISTA DE FRANCESCHI “OCCHIO ALLE SCADENZE, NON ASPETTATE TROPPO

Ecco il modello per poter ottenere uno sconto sulle cartelle di Equitalia.
Come è stato reso noto sarà possibile inviare via pec (l’elenco a pagina 4 del modello) la richiesta di adesione.
La definizione prevede di poter definire tutte le cartelle riguardanti imposte e tasse (IRPEF, IRES, IVA, INPS, IRAP, ICI, IMU, etc) oltre alle sanzioni per le violazioni del codice della strada. ovviamente queste devono essere un ruolo, quindi deve essere stata notificata al soggetto una cartella e solo da Equitalia.
La “definizione agevolata” qualora sottoscritta chiude qualunque contenzioso tributario in essere.
In presenza di un pagamento rateizzato si dovranno pagare le somme residue e si guadagnerà così uno sconto (circa il 39%) pagando una minor sanzione e interessi.
Qualora la somma da pagare non fosse nelle disponibilità economiche e finanziarie del contribuente potrà essere richiesta una rateizzazione di 4 rate con una dilazione temporale massima fino al 2018. In questo caso si deve considerare che le rateizzazioni concesse sino a ora sono per una durata da 6 a 10 anni ma accettando le agevolazioni concesse verranno ridotti i tempi di pagamento e di conseguenza le rate saranno più pesanti.
E’ stato chiarito che il contribuente ha la possibilità e non l’obbligo di accettare la definizione agevolata, pertanto se non è in grado di pagare la nuova rata mantiene quella in essere.
Un aspetto importante della questione è che è una norma esclusiva per i soli ruoli di Equitalia per cui le imposte e le tasse che non sono state pagate a Equitalia non hanno alcuna riduzione o sconto.

Per fare alcuni esempi le rateizzazioni concesse dall’Agenzia delle Entrate, quelle fatte dalle pubbliche amministrazioni (Comuni, Regioni, INPS, INAIL, etc.).
Il termine per presentazione la domanda è il 23 GENNAIO 2017 e entro il 24 APRILE 2017 Equitalia darà una risposta di accoglimento alla domanda presentata.

 

Ufficio Stampa, Alberto De Franceschi

Esperto di fisco e tributarista

Noale, 5 novembre 2016

MA IL VENETO RESTA SEMPRE A BOCCA ASCIUTTA?

spv-corog2

spv-corog2

Da una tabella proposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti vediamo che delle opere pubbliche incompiute (ben 34) ne rimangono da fare 34, cioè tutte.

“Mi fa alterare – attacca il tributarista Alberto De Franceschi –  che si parla di opere pubbliche come la Pedemontana che è ancora ferma per le diatribe tra JP Morgan e la Cassa Depositi e Prestiti e ancorata da uno stato che non sblocca i fondi”.

Dalla Regione fanno sapere che la Pedemontana, quella Salerno Reggio Calabria del Nordest che è già costata allo Stato ben 615 milioni di euro, ben oltre i 243 milioni ipotizzati nel 2003, si farà.

Attualmente per far ripartire i lavori mancano 1,6 miliardi, per completare questa arteria che collega le province di Treviso e Vicenza. Da mesi il governatore del Veneto, Luca Zaia sta conducendo una battaglia con il premier Matteo Renzi perché venga dato via libera a un prestito obbligazionario garantito dalla Cassa Depositi. Nel 2003 la superstrada viene dichiarata tra le infrastrutture di interesse nazionale per le quali concorre l’interresse regionale. Ma con il passare degli anni i costi dell’opera sono lievitati.

“Inutile dire – dice De Franceschi – che i 576.287.353 milioni di euro sono fermi in cerca di una copertura. Nella lista locale delle opere incompiute possiamo leggere anche quei 122.900.000 milioni di euro sul riequilibrio geologico di Venezia. Poi se proseguendo nella lettura della tabellina, credo che, nelle 113 opere pubbliche della autonoma regione Sicilia (quella che poi richiede fondi allo stato per pareggiare il bilancio regionale), così come nelle 91 opere della Puglia, e in quelle 53 del Lazio, ci siano di sicuro opere dove la magistratura oggi ha molto da indagare. Opere simili alla storia del Mose per intenderci. Insomma chi ci governa – incalza De Franceschi – continua tranquillamente a usare il Veneto come un salvadanaio dove attingere i fondi per pagare tutto, ma non pensa minimamente a investire sulle opere infrastrutturali pubbliche. Così facendo si fa perdere la competitività economica alla regione, che, senza opere, deve competere con chi di fondi ne investe continuamente (vedi Germania, Austria, Croazia e via dicendo).“Oggi – scrive la Corte dei Conti in una relazione del dicembre 2015 – il costo di realizzazione ha superato, con gli oneri capitalizzati, i 3 miliardi, anche a causa del necessario, continuo miglioramento progettuale e delle opere compensative richieste dagli enti locali». I problemi starebbero tutti nelle difficoltà di recuperare i soldi necessari a finanziare l’opera. Nella relazione della Corte infatti si legge che a oltre sei anni dalla stipula della convenzione non è ancora disponibile gran parte del capitale privato per la realizzazione dell’opera.

Riflettiamoci sopra perché le vittime della crisi pagano questo pegno perdendo la propria azienda, il proprio lavoro, la propria casa e via dicendo e purtroppo nella tecnica della “distrazione di massa” tutto passa sottobanco”.

 

Ufficio Stampa Alberto De Franceschi,

esperto di fiscalità e tributarista

Noale, 5 novembre 2016

 

 

CONTRIBUTI TORNADO? LA DENUNCIA DI DE FRANCESCHI FINISCE A ROMA

 

14440928_1069830059733016_2773357378043974260_n

 

CONTRIBUTI TORNADO? ECCO COME LO STATO PENSA ALLE PROPRIE VITTIME. LA DENUNCIA DI DE FRANCESCHI FINISCE A ROMA

La denuncia dell’esperto tributarista Alberto De Franceschi giunge fino in Parlamento.

È stato discusso il 22 settembre al question time della VI Commissione della Camera dei Deputati il punto riguardante gli eventi calamitosi previsto nella legge di stabilità del 2016.

Il punto controverso, che è quello dal tributarista sollevato, è che alle famiglie colpite dal tornado, lo Stato fa passare per contributi quelli che in realtà sono dei veri e propri mutui, dei finanziamenti di durata venticinquennale.

Il tributarista pochi giorni fa, anche con un articolo su La Nuova Venezia Mestre, aveva denunciato la cosa ed espresso tutto il proprio rammarico, in quanto non si può chiedere a dei cittadini vittime di calamità naturali di contrarre un mutuo ultraventennale. Inoltre aveva detto “ci sono molti punti controversi e oscuri sulla legge”. A recepire la denuncia, una consigliera pentastellata di Dolo, Valentina Peruzzo che ieri in Facebook nel gruppo de Associazione Famiglie Tornado 8 luglio 2015, ha postato il question time.

“Con il documento in esame – si legge – gli onorevoli (Villarosa e altri ndr) interroganti richiamano gli eventi calamitosi che hanno interessato in Veneto la riviera del Brenta nel luglio 2015. Gli Onorevoli evidenziano che, per far fronte a esigenze emergenziali, l’articolo 1, commi da 422 a 428, della legge 28 dicembre 2015, n.208 (legge di stabilità per il 2016), in attuazione dell’articolo 2, lettera d, della legge n.225 del 1992, prevede che siano concessi contributi a favore dei soggetti coinvolti.

Gli interroganti ritengono che la misura del finanziamento agevolato con fruizione del credito d’imposta non è adeguata a risolvere i disagi causati da calamità naturali in quanto questa procedura comunque comporta il pagamento di costi bancari e il rischio di insolvenza, nonché l’eventualità per gli interessati di non poter fruire del credito d’imposta per capienza”.

Insomma come aveva detto De Franceschi, un mutuo che comporta il pagamento di interessi e il rischio che qualora non si paghi, si veda pignorata anche la casa che si sta tentando di costruire.

Una presa in giro aveva commentato il consigliere regionale Roberto Marcato.

Ora il tributarista nuovamente incalza.

“Alla luce di quanto emerso dalla risposta ricevuta ieri – dice De Franceschi – finalmente un documento fisico dal quale il Governo specifica alcuni punti: la concessione di un credito d’imposta, non soldi quindi, ma crediti; l’erogazione da parte delle banche convenzionate di un finanziamento, leggi MUTUO, a tassi agevolati, quindi con interessi passivi e oneri finanziari, sottoscritto dalle vittime della calamità; la cessione del credito maturato in base al piano di ammortamento, quindi quota capitale più interessi, più eventuali altri oneri bancari; banche che utilizzeranno i crediti in compensazione con i propri debiti (sappiamo in che stato versano le banche!) e flussi verso l’erario; oltre alla facoltà dell’ente a controllo di verificare, sospendere e modificare in base alle opere eseguite i parametri e i crediti d’imposta dati alle vittime. Mi viene da dire che se a un lato c’è chiarezza, dall’altro NON POSSO NON RILEVARE L’ENNESIMO REGALO CHE LO STATO E QUINDI NOI FACCIAMO ALLE BANCHE. Queste nuovamente guadagneranno sulle disgrazie, VISTO CHE LE SOMME EROGATE E IN AMMORTAMENTO PRODUCONO INTERESSI COME DETTO.

MA NON è TUTTO.

L’esperto professionista fa riflettere su una cosa: “mi chiedo come verrà ceduto il credito, a esempio quando una banca, che non è più garantita dallo Stato dal 1.gennaio 2016, entra in una situazione di crisi e sofferenza, come farà ad affrontare la situazione? Non era più semplice dare alle vittime la possibilità di utilizzare il credito mediante la compensazione sulle somme da versare allo Stato? E poi altra cosa – aggiunge l’esperto – perché non prevedere il rimborso diretto del credito? Cioè dare la possibilità ai cittadini di richiedere il rimborso del contributo d’imposta con verifiche e controlli preventivi? Che differenza fa se una vittima dopo questa sciagura vuole andare a vivere in un altro luogo?”

Infatti come prevede la normativa c’è il vincolo che le vittime del tornado e non solo, vale per tutti i colpiti dalle calamità, quindi ora anche per i terremotati, debbano ricostruire l’edificio esattamente dove sorgeva la vecchia abitazione.

Ufficio stampa Alberto De Franceschi

Noale, 23 settembre 2016

 

La politica del FARE – il civismo

IMG_4096Sei di Noale se…. parli di cosa non funziona, lamentandoti pesantemente, difficilmente però si propongono soluzioni. Già il senso civico dei cittadini è tristemente limitato alla sterile critica pro questo, o quello, ma FARE mai? Se cerchiamo civismo potremmo trovare questa definizione :

Il civismo è una visione della vita politica alternativa al sistema dei partiti che si propone di unire gli abitanti di una collettività intorno ai valori positivi della vita associata, aggregando individui che, provenienti da diversi ambiti sociali, collaborano per raggiungere un obiettivo comune legato alla tutela ed alla gestione dei beni appartenenti alla stessa comunità.

Ma nella nostra ridente cittadina qualcuno ha mai preso in considerazione questa alternativa? No! Almeno fino ad oggi quando un gruppo di ragazzi noalesi, sapendo che in alcune zone si manifestavano piccoli incidenti per problemi legati alla manutenzione e messa in sicurezza, come ad esempio: il bimbo che uscendo da scuola inciampa sul dislivello stradale del pillomat, o la ragazza che facendo una corsa serale negli splendidi spalti non si accorge della catena posta all’ingresso e dopo i cannoni commemorativi, inciampa e si fa male, questi virtuosi armati dallo slogan LA POLITICA DEL FARE provano a trovare delle soluzioni con i mezzi a loro disposizione (plastica, cartone, adesivo rifrangente). Piccole soluzioni sì, ma di alto contenuto civile e sociale.
Ecco, direi a coloro che parlano, parlano, parlano, parlano….. meglio essere propositivi e fare! Basta con le  sterili chiacchiere ed attacchi, credo che non interessano più a nessuno visti i tempi. O meglio interessano solo a chi non vive ed ama Noale.
Da bambino alla scuola elementare la mia insegnante mi ha fatto imparare la canzone di Sergio Endrigo “Ci cuole un fiore”, penso di non essere stato l’unico che l’ha imparata, forse oggi è bene ripensare ai contenuti della filastrocca,  per FARE serve CIVISMO …..

GRAZIE RAGAZZI SIETE DEI GRANDISSIMIIIIIII

[youtube=http://youtu.be/kZtLeoDZ6iI]

….. ringrazio tutti coloro che condivideranno questo contenuto, nel bene o nel male, servirà sempre e comunque a porre l’attenzione su un concetto costruttivo e non sul nulla …….

 

 

Pensieri del fare

Scan_Pic0003_mod3Negli ultimi mesi intorno a me, nonostante quanto accade (crisi economica, disoccupazione, povertà a vari livelli, suicidi, etc.), non faccio altro che sentire e leggere di fantasiose mosse, o vuote strategie, attuate per ottenere un “consenso politico“, per essere eletti. Bah? Ma ne abbiamo davvero bisogno? Su Wiki leggiamo che: “il termine politica (dal greco “πόλις”, polis, che significa città), viene utilizzato in riferimento all’attività ed alle modalità di governo, od anche, nel lessico politico, alla cosiddetta attività di opposizione“. Ma abbiamo necessità di strategie per governare? O è meglio avere  soluzioni per affrontare e risolvere quanto è in atto? Mi sembra che sull’ultima posizione in pochi si sono espressi con proposte chiare e ferma decisione, ignorando totalmente la “strategia politica“.
Penso che nella mia città la cosa principale da fare è porre in atto soluzioni possibili, che aiutino almeno ad andare avanti se non a risolvere i problemi. Le soluzioni non hanno sempre necessità di una strategia politica, al contrario necessitano di una grande dose di comunicazione e dialogo per trovare delle comuni intese atte a collaborare, a portare avanti dei progetti comuni anche se con persone di idee diverse.  I progetti non devono sempre assecondare la visibilità del promotore, che comunque ne viene coinvolto di riflesso, ma debbono partire dall’utilità civica e collettiva di una comunità. I progetti debbono essere realizzabili cogliendo le opportunità offerte, non solo devono essere chiari e non celati con opuscoli informativi o nascosti nei programmi elettorali che dicano o non dicono a seconda della convenienza e strategia adottata. I progetti devono inoltre essere chiari, possibili, condivisibili ma sopratutto utili alla collettività.
Ricordo molte affermazioni che mi sono state rivolte direttamente o indirettamente, fatte anche per mancanza della visione complessiva di un’idea ed un progetto che nulla ha a che fare con la “politica” ma che molto interessa la “polis” nel tentativo di creare opportunità in un territorio che negli ultimi anni ha perso notevole smalto ed interesse.
Di recente ho avuto il piacere di incontrare una giovane artista in cui ho visto l’ENTUSIASMO di un giovane in cerca della propria strada. Era da moltissimo che non vedevo quello sguardo speranzoso in un futuro tutto da scrivere, tutto da costruire: nessuna strategia, nessuna ricerca di vantaggi economici ma pura e sola voglia di crescere e di fare! Ecco, cari candidati, è con questi presupposti che si cresce e si trovano soluzioni, non con la solita strategia di lamentare l’operato degli altri e porsi in barricata con elmetto e moschetto pronti per la campagna (guerra) elettorale.

FRANCESCA AMODIO - attrice film premio Oscar "La Grande Bellezza"

FRANCESCA AMODIO – attrice film premio Oscar “La Grande Bellezza”

TASSE OCCULTE

Pubblico la trasmissione IL FARO economia in luce del 28 ottobre 2013 nella quale si è parlato delle tasse occulte e non solo. Se si vuole capire i balzelli che paghiamo anche senza accorgerci seguite bene quanto viene detto.

[youtube=http://youtu.be/uBrczgJVXnI]

Per documentarsi meglio

Diapositiva tasse occulte

Elenco delle tasse occulte

TRAITES_1957_CEE_1_XM_0810_x1111x

farotaxocco