EQUITALIA: PRONTO IL MODELLO PER OTTENERE LO SCONTO SULLE CARTELLE

download

download

L’ESPERTO TRIBUTARISTA DE FRANCESCHI “OCCHIO ALLE SCADENZE, NON ASPETTATE TROPPO

Ecco il modello per poter ottenere uno sconto sulle cartelle di Equitalia.
Come è stato reso noto sarà possibile inviare via pec (l’elenco a pagina 4 del modello) la richiesta di adesione.
La definizione prevede di poter definire tutte le cartelle riguardanti imposte e tasse (IRPEF, IRES, IVA, INPS, IRAP, ICI, IMU, etc) oltre alle sanzioni per le violazioni del codice della strada. ovviamente queste devono essere un ruolo, quindi deve essere stata notificata al soggetto una cartella e solo da Equitalia.
La “definizione agevolata” qualora sottoscritta chiude qualunque contenzioso tributario in essere.
In presenza di un pagamento rateizzato si dovranno pagare le somme residue e si guadagnerà così uno sconto (circa il 39%) pagando una minor sanzione e interessi.
Qualora la somma da pagare non fosse nelle disponibilità economiche e finanziarie del contribuente potrà essere richiesta una rateizzazione di 4 rate con una dilazione temporale massima fino al 2018. In questo caso si deve considerare che le rateizzazioni concesse sino a ora sono per una durata da 6 a 10 anni ma accettando le agevolazioni concesse verranno ridotti i tempi di pagamento e di conseguenza le rate saranno più pesanti.
E’ stato chiarito che il contribuente ha la possibilità e non l’obbligo di accettare la definizione agevolata, pertanto se non è in grado di pagare la nuova rata mantiene quella in essere.
Un aspetto importante della questione è che è una norma esclusiva per i soli ruoli di Equitalia per cui le imposte e le tasse che non sono state pagate a Equitalia non hanno alcuna riduzione o sconto.

Per fare alcuni esempi le rateizzazioni concesse dall’Agenzia delle Entrate, quelle fatte dalle pubbliche amministrazioni (Comuni, Regioni, INPS, INAIL, etc.).
Il termine per presentazione la domanda è il 23 GENNAIO 2017 e entro il 24 APRILE 2017 Equitalia darà una risposta di accoglimento alla domanda presentata.

 

Ufficio Stampa, Alberto De Franceschi

Esperto di fisco e tributarista

Noale, 5 novembre 2016

MA IL VENETO RESTA SEMPRE A BOCCA ASCIUTTA?

spv-corog2

spv-corog2

Da una tabella proposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti vediamo che delle opere pubbliche incompiute (ben 34) ne rimangono da fare 34, cioè tutte.

“Mi fa alterare – attacca il tributarista Alberto De Franceschi –  che si parla di opere pubbliche come la Pedemontana che è ancora ferma per le diatribe tra JP Morgan e la Cassa Depositi e Prestiti e ancorata da uno stato che non sblocca i fondi”.

Dalla Regione fanno sapere che la Pedemontana, quella Salerno Reggio Calabria del Nordest che è già costata allo Stato ben 615 milioni di euro, ben oltre i 243 milioni ipotizzati nel 2003, si farà.

Attualmente per far ripartire i lavori mancano 1,6 miliardi, per completare questa arteria che collega le province di Treviso e Vicenza. Da mesi il governatore del Veneto, Luca Zaia sta conducendo una battaglia con il premier Matteo Renzi perché venga dato via libera a un prestito obbligazionario garantito dalla Cassa Depositi. Nel 2003 la superstrada viene dichiarata tra le infrastrutture di interesse nazionale per le quali concorre l’interresse regionale. Ma con il passare degli anni i costi dell’opera sono lievitati.

“Inutile dire – dice De Franceschi – che i 576.287.353 milioni di euro sono fermi in cerca di una copertura. Nella lista locale delle opere incompiute possiamo leggere anche quei 122.900.000 milioni di euro sul riequilibrio geologico di Venezia. Poi se proseguendo nella lettura della tabellina, credo che, nelle 113 opere pubbliche della autonoma regione Sicilia (quella che poi richiede fondi allo stato per pareggiare il bilancio regionale), così come nelle 91 opere della Puglia, e in quelle 53 del Lazio, ci siano di sicuro opere dove la magistratura oggi ha molto da indagare. Opere simili alla storia del Mose per intenderci. Insomma chi ci governa – incalza De Franceschi – continua tranquillamente a usare il Veneto come un salvadanaio dove attingere i fondi per pagare tutto, ma non pensa minimamente a investire sulle opere infrastrutturali pubbliche. Così facendo si fa perdere la competitività economica alla regione, che, senza opere, deve competere con chi di fondi ne investe continuamente (vedi Germania, Austria, Croazia e via dicendo).“Oggi – scrive la Corte dei Conti in una relazione del dicembre 2015 – il costo di realizzazione ha superato, con gli oneri capitalizzati, i 3 miliardi, anche a causa del necessario, continuo miglioramento progettuale e delle opere compensative richieste dagli enti locali». I problemi starebbero tutti nelle difficoltà di recuperare i soldi necessari a finanziare l’opera. Nella relazione della Corte infatti si legge che a oltre sei anni dalla stipula della convenzione non è ancora disponibile gran parte del capitale privato per la realizzazione dell’opera.

Riflettiamoci sopra perché le vittime della crisi pagano questo pegno perdendo la propria azienda, il proprio lavoro, la propria casa e via dicendo e purtroppo nella tecnica della “distrazione di massa” tutto passa sottobanco”.

 

Ufficio Stampa Alberto De Franceschi,

esperto di fiscalità e tributarista

Noale, 5 novembre 2016

 

 

DE FRANCESCHI: UN TRIBUTARISTA IN TOUR

13627230_1024788977570458_1576952397703333351_n

ALBERTO DE FRANCESCHI: UN TRIBUTARISTA IN TOURNÉE

Il consulente fiscale di Noale e Albignasego stamattina era alla trasmissione condotto da Fabrizio Stelluto, Approfondimenti, su 7Gold Tele Padova.

Perché in tournèe?

Perché lui da marzo sta organizzando il tour de I 12 PILASTRI e mai di questi tempi è più attuale. Fabrizio Stelluto lo ha intervistato per noi.

Lei è un tributarista in tournèe, come mai ha creato questo evento?

“Stiamo portando in giro questo tour perché c’è bisogno di fare impresa. I 12 Pilastri sono i 12 principi che servono all’imprenditore per far crescere la propria impresa solida, forte e sana e per essere competitivi sul mercato. Nel momento in cui dobbiamo essere competitivi infatti servono dei piani. Gli imprenditori o chi si accinge ad aprire un’attività devono scrivere sulla carta cosa vogliono fare, devono avere un piano, un’organizzazione. Purtroppo si pensa solo alle tasse che si pagheranno ma la tassazione è una proporzione sul reddito. Se non c’è reddito non ci sono tasse. E se c’è reddito ci sono, è per quello che io dico ai miei imprenditori: non chiedermi quante tasse paghi, ma chiedimi quanto guadagni. In tutto questo però c’è qualcosa che non va bene. In giro c’è cattiva informazione per fare impresa. Ora più che mai serve spiegare ai ragazzi giovani cosa devono fare e come si devono approcciare al mondo dell’imprenditoria.

Lei dice che il futuro del commercialista sarà affiancare l’imprenditore. Ma sto “povero cristo” dell’imprenditore del Nordest, che magari si è fatto da sé come fa?

“Infatti non va più bene farsi da sé, bisogna parlare di competenze e chi ha competenze deve essere qualificato. Devo basare la mia impresa su dei meccanismi che sono economici. Questa settimana ho avuto un caso di un signore che ha un’acciaieria, i figli hanno rovinato il lavoro del padre, perché costui ha impegnato di più i figli nel lavoro manuale, ma il mondo imprenditoriale ora ha bisogno di studio, di corretta informazione, di formazione”

Per quanto riguarda la Brexit, secondo Lei quali sono le conseguenze dell’economia del Nordest?

“Dobbiamo parlare su una macroarea. Ora ci saranno dei dazi doganali da pagare. Ho incontrato un’associazione dei produttori di carne e loro sono preoccupati proprio per questi. Per quanto riguarda il turismo invece gli arrivi da parte della Gran Bretagna sono milioni durante la stagione estiva. La conseguenza sul turismo è sempre legata a un’ economia monetaria. Una delle lamentele dei giovani infatti è stata che andare a Londra ora non è economicamente conveniente. Questo è importante, dobbiamo chiederci se la Brexit aumenterebbe ancora di più il costo della vita a Londra”

Però potrebbe non aumentare su altre tratte…

“La Gran Bretagna fa parte del common wealth. Le dogane in genere producono un abbassamento del pil. Questi giorni hanno detto facciamo un hub fiscale, l’ Irlanda è polo di attrazione per soggetti tipo google, microsoft ecc, l’alternativa sarà Parigi o Berlino, ma noi dobbiamo puntare all’ Italia.

Quindi le conseguenze per il Nordest sono limitate?

“Sì, ci sono comunque ampi spazi di manovra, derivanti dalla Brexit. Cioè possiamo muoverci bene e convincere ora i nostri giovani e le nostre eccellenze a rimanere qui”.

#defranceschi #seguiteci #brexit #fisco #imprese #giovani #imprenditori #impresa #dodicipilastri

 

 

 

speciale JOBS ACT

10885017_1414334315533534_5876099584680658499_n

Riprendono in piena forma le pillole de IL FARO su canale 76, gli aggiornamenti fiscali settimanali. Visto quanto emanato venerdì 20 (la storica riforma sul lavoro) abbiamo pensato di proporvi uno speciale con un sunto di quanto uscito. Dopo la puntata lancio proprio del 20.2  (che presto pubblicheremo anche qui) è iniziata la collaborazione con DOLiWOOD che prosegue anche in questa puntata con le copertine. Riproponiamo quella già andata in onda alle 20,00, mentre in coda alla pillola, la nuova copertina di cui vi diamo un assaggio (è già virale).

[youtube=http://youtu.be/aYprOhV_diw]

TRA LEGALITA’ ED ILLEGALITA’ – Italiani brava gente?

In questi giorni leggiamo e sentiamo ovunque un malessere tangibile di ciò che accade e ci circonda. Tutti vogliono uscire da questa situazione, additando attorno a sé responsabili e responsabilità. Ma proviamo a leggere bene il modello italiano. Partiamo col dire che tutti sanno tutto, ovvero tutti gli italiani hanno una laurea in economia, in scienze politiche, in fisica, in medicina, etc. Infatti la figura dell’opinionista come quella del tronista dimostrano che alla base gli studi sono quel che sono e le opinioni spesso formate da spicce googolate su tematiche da trattare che poi presentano lacunosi buchi di conoscenza, tanto da far dire a volte delle enormità. Se ci si fa caso tutti hanno soluzioni in tasca, ma a spiegarle nel dettaglio poi fanno fatica (questo perché manca la formazione specifica); è chiaro poi che le soluzioni casualmente sono sempre distanti dal ledere i propri interessi personali. Tutto ciò per dire che cosa? Semplicemente che se si vuole cambiare le cose e cercare di uscire dalla situazione in cui versiamo, bisogna ritornare alla legalità. Beh, direte voi, io sono “onesto”! Ne siamo proprio sicuri? Quanti di voi richiedono ed emettono lo scontrino, quanti di voi quando si fanno fare interventi da artigiani, dentisti, etc. poi richiedono la fattura o emettono la fattura dell’intero importo? Quanti al semaforo in presenza del giallo decellerano per fermarsi, o, peggio, al passaggio a livello si fermano mentre si abbassa la sbarra? Se poi pensiamo che appena si ha una sanzione a vario titolo, la prima cosa che si pensa e ci si chiede è come escogitare un metodo per toglierla o non pagarla…. ed avanti così. Ecco, tutto questo spiega il sistema Italia, illegalità su vari fronti ma poi tutti ci definiamo brava gente. Tutti cercano la dolce pillola per risolvere i problemi, ma purtroppo bisogna rendersi conto che l’unica cura possibile è farsi un bel esamino di coscienza, e poi iniziare per primi a comportarci in modo diverso e smetterla con la diffamazione e lo scredito verso le persone che cercano di cambiare il paese, ragionando se quanto proposto, anche se ci crea fastidi, può risolvere o meno la situazione. Se poi si prendono sanzioni per comportamenti illegali, queste si pagano, visto che nella maggior parte dei casi si ha realmente sbagliato. Ciò detto, ci basti pensare che l’essenza dell’italian style è PIOVE, GOVERNO LADRO: PAGATEMI I DANNI. Abbiamo quindi ciò che ci meritiamo.

AAA-cercasi-giovani-imprenditori-italiani

Rassegna Stampa

Fonte: il Gazzettino del 24/08/2014

Fonte: il Gazzettino del 24/08/2014

Fonte: La Nuova Venezia del 25/08/2014

Fonte: La Nuova Venezia del 25/08/2014